Tratta e Sfruttamento

Mary, Favour, Aliona sono solo alcuni dei nomi delle ragazze che abbiamo conosciuto in questi anni. Quasi tutte nigeriane e vittime della tratta. Costrette a vendere il proprio corpo per poter saldare un debito assurdo. Dai 15.000 ai 35.000 mila euro.

Le cifre della tratta degli esseri umani sono esorbitanti:

  • 32 miliardi di dollari l’anno, l’equivalente di 4 anni di aiuti umanitari totali nel mondo
  • 12 milioni di adulti e bambini coinvolti
  • 500 mila donne, costrette a prostituirsi

Questo fenomeno è difficile da fermare: troppi gli interessi economici che lo alimentano.

D’altra parte c’è un aumento continuo delle potenziali vittime, costrette a lasciare il proprio Paese d’origine a causa della povertà, della guerra e delle discriminazioni etniche. Sono una preda facile per le organizzazioni criminali che gestiscono la tratta di esseri umani.

I gruppi criminali utilizzano diverse tratte per entrare in Italia che vengono modificate nel tempo per eludere i controlli. Ancora oggi le forze dell’ordine hanno difficoltà nel contrastare questo terribile fenomeno.

Equipe Tratta e sfruttamento | Liberazione e Speranza Onlus

Chi sono le vittime dello Sfruttamento Sessuale

Quasi tutte le vittime di tratta per sfruttamento sessuale sono donne, anche se non manca la presenza di ragazzi minorenni e persone transessuali. Spesso sul territorio novarese il fenomeno riguarda donne nigeriane che vengono sfruttate e gestite da un’altra donna, chiamata madam. Anche lei nigeriana, spesso è presente in strada insieme a loro.

Le vittime vengono tenute sotto controllo, sotto minaccia sia fisica che psicologica. Spesso sono tenute a ripagare un debito esagerato rispetto agli esigui guadagni del loro “lavoro”. Il rischio è che venga fatto del male ai figli, fratelli, genitori, che sono rimasti nel paese d’origine.

Come Interveniamo

All’interno di Liberazione e Speranza abbiamo diverse figure professionali: educatrici, operatrici, l’assistente sociale e la mediatrice interculturale. Lavoriamo in sinergia per far ritrovare serenità, sicurezza, autostima e autonomia alle donne che decidono di uscire dai vincoli della tratta. Soprattutto crediamo che ogni donna debba innanzitutto riappropriarsi del proprio progetto migratorio.

I nostri Servizi

Liberazione e speranza fa parte della Piattaforma Nazionale Antitratta, che ha lo scopo di coordinare gli enti che tutelano le persone vittime di tratta e di grave sfruttamento.

Sportello Ascolto
Viale Ferrucci 14/A : tutti i martedì e giovedì mattina dalle 9.00 alla 13.00
Servizi di informazione: sanitaria, legale, amministrativa e lavorativa.
Lo sportello è attivo anche su appuntamento telefonando al 342 1372463 (H24)

Unità di strada

Suddivise in equipe di due o tre persone, operiamo un servizio di unità di strada sia diurno che notturno. Monitoriamo le strade di alcune zone di Novara, Vercelli e Verbano-Cusio-Ossola. Cerchiamo di avvicinare le donne costrette a prostituirsi con il dialogo e una relazione di fiducia. Solo dopo proponiamo loro di venire allo Sportello di Ascolto e iniziare un percorso di fuoriuscita dai brutali meccanismi che le vedono coinvolte.

Percorsi Educativi Personalizzati

Grazie alla cooperazione dell’equipe professionale della nostra associazione, le ragazze vengono sostenute a intraprendere un percorso educativo per sviluppare le loro competenze. Crediamo fermamente che l’educazione e la formazione sono alla base di un percorso di autonomia e di crescita personale della donna. Cerchiamo in tutti i modi di far conseguire a loro un titolo di studio riconosciuto e valido in Italia, almeno la licenza media e una qualifica professionale.

Inserimento nel mondo del lavoro

Alle ragazze ospiti delle case di accoglienza proponiamo sempre dei percorsi individualizzati di inserimento socio-lavorativo con progetti mirati all’apprendimento della lingua, alla formazione professionale e ai tirocini lavorativi. Il lavoro è una forma importante di riscatto e di autonomia.

Informativa Legale

Tramite gli operatori informiamo le ragazze dei loro diritti civili. A volte ci avvaliamo della consulenza di legali esterni competenti sulla tema della tratta.

Accompagnamento alla Denuncia

Sosteniamo le ragazze che desiderano e hanno il coraggio di denunciare le madam e gli sfruttatori. Le aiutiamo a redigere una memoria, le accompagniamo dalle forse dell’ordine e le sosteniamo negli atti burocratici necessari alla denuncia.

Ricostruzione Storia Personale

Le ragazze insieme alla mediatrice interculturale, avviano un processo, faticoso e lungo di ricostruzione della loro storia personale. L’obiettivo è recuperare la propria autodeterminazione e autostima, che è stata duramente calpestata nel periodo di sfruttamento.

Accompagnamento Sanitario

Accompagniamo le ragazze che hanno bisogno di cure sanitarie presso le strutture più idonee presenti sul territorio. In questo modo possono ricevere assistenza e indicazioni utili alla loro salute.

Accoglienza come Accompagnamento Sociale

Le ragazze che decidono di intraprendere un percorso di fuoriuscita dalla tratta vengono ospitate in una delle nostre case accoglienza fino a quando la donna non diventa autonoma. Per noi è importante mettere in atto un percorso che vede la realizzazione di piccole comunità di vita e non di convivenze forzata.